I.R.Fo.M è in grado di fornire assistenza e consulenza per la redazione dei seguenti documenti necessari ad adempiere alle prescrizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI AZIENDALI

 

Il documento di Valutazione dei Rischi è una relazione obbligatoria che dev'essere presente all'interno del luogo di lavoro. Ha per oggetto l'individuazione di tutti i rischi presenti nell'ambiente lavorativo e nello svolgimento delle mansioni che possono causare un danno alla salute, conseguente da infortuni o malattie professionali. Predispone e suggerisce le misure adeguate a prevenirli e controllarli. Individua i dispositivi di protezione collettiva ed individuali.

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RICHIO BIOLOGICO

 

Deve essere effettuato come parte integrante della “Valutazione di tutti i rischi” prevista dal D.lgs 81/2008 e s.m.i. Per le attività per le quali il rischio di esposizione è concreto (uso di agenti biologici patogeni nel ciclo produttivo o comunque possibile esposizione agli stessi), viene elaborato un documento a sé stante, nel rispetto di quanto previsto dal Titolo X del D.lgs 81/2008 e s.m.i.

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

 

Il documento di valutazione dei rischio chimico ha i seguenti scopi:

 -fornire le informazioni relative all’attività dell’azienda al fine di dimostrare che essa possiede i requisiti in materia di sicurezza sul lavoro previsti dalla normativa vigente;

 -illustrare le misure adottate dall’azienda per quanto riguarda la sicurezza e la protezione dei lavoratori, nonchè dei provvedimenti approntati per ciò che concerne la protezione ambientale.

 ll documento di valutazione del rischio chimico costituisce un approfondimento delle condizioni di pericolo e rischio dei composti e delle sostanze chimiche utilizzate nei processi lavorativi.

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDI

 

Documento di valutazione  dei rischi d’incendio si attua effettuando l’analisi dei luoghi di lavoro. , tenendo conto del tipo di attività, delle sostanze e dei materiali utilizzati e/o depositati, delle caratteristiche costruttive, dimensionali e distributive dei luoghi di lavoro (strutture, aree di piano, superfici totali, coperture ecc.), - del numero massimo ipotizzabile delle persone che possono essere presenti contemporaneamente nei luoghi di lavoro.

 L’obiettivo dell’analisi è di:

  •  determinare i fattori di pericolo d’incendio;
  • identificare le persone esposte al rischio d’incendio;
  • valutare l’entità dei rischi accertati;
  • individuare le misure di prevenzione e protezione;
  • programmare le misure antincendio, ritenute più opportune”.

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI

 

Documento redatto al fine di valutare l’esposizione dei lavoratori alle vibrazioni meccaniche, ed indicare le idonee misure per ridurre al minimo i rischi derivanti da tale esposizione, attraverso l’attuazione di misure preventive e protettive (ove ve ne fosse bisogno), nonché allo scopo di ottemperare a quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. 106/09).

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE FONOMETRICA

 

Documento di individuazione dei rischi legati alla presenza di rumore negli ambienti di lavoro, legato alla realtà lavorativa in esame. A questa segue l’elaborazione della documentazione necessaria all’azienda per individuare le lavorazioni più pericolose per la salute dei lavoratori, e migliorare mediante misure organizzative / strutturali il proprio sistema di gestione della sicurezza e salute sul luogo di lavoro.

 

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE MICROCLIMATICA

 

Il documento è relativo alla valutazione del Rischio Microclimatico negli ambienti di lavoro, intendendosi per MICROCLIMA il complesso dei parametri fisici ambientali che caratterizzano l’ambiente. La normativa di riferimento è: UNI EN ISO 7730, che fornisce i metodi per prevedere la sensazione termica globale ed il grado di disagio (insoddisfazione termica) delle persone esposte ad ambienti termici moderati.

 

DOCUMENTO RISCHIO VIDEOTERMINALE

 

L’uso di attrezzature munite di videoterminale ha avuto negli ultimi anni una enorme diffusione nel mondo del lavoro ed è in rapida espansione in tutti i processi produttivi.

 

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (MMC)

 

La valutazione del rischio per i lavoratori legato alla Movimentazione Manuale dei Carichi (MMC) è prevista dal Titolo VI e dall’All. XXXIII del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (Testo Unico della Sicurezza).In particolare occorre effettuare la valutazione del rischio per le diverse azioni. Nel documento vanno illustrati dettagliatamente la normativa di riferimento, gli obblighi dei datori di lavoro e alcune metodologie per la valutazione del rischio legato alla MMC.

 

PIANO EMERGENZA ED EVACUAZIONE

 

Il documento è inerente allo sviluppo del piano di emergenza di evacuazione. Il Piano di emergenza ed evacuazione è parte integrante della relazione tecnica di prevenzione incendi e derivazione dei documenti di Valutazione dei rischi e di valutazione del rischio incendio.

 

STRESS DA LAVORO CORRELATO

 

Il documento concerne la problematica legata allo stress da lavoro .Considerare il problema dello stress sul lavoro può voler dire una maggiore efficienza e un deciso miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con conseguenti benefici economici e sociali per le aziende, i lavoratori e la società nel suo insieme.

 

 

 

P.I.M.U.S 

P.I.M.U.S (PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI) il presente documento deve essere redatto in base al nuovo testo unico sulla sicurezza D.Lgs 81/08 e successive modifiche introdotte dal D.Lgs 106/09.. L’obiettivo primario del Piano è di fornire istruzioni e progetti particolareggiati per gli schemi speciali costituenti il ponteggio, ed è messo a disposizione del preposto addetto alla sorveglianza e dei lavoratori interessati.

 

PSC - Piano di sicurezza e coordinamento - POS - Piano operativo di sicurezza

 

Tra i più importanti documenti connessi all’attività lavorativa presso i cantieri temporanei e mobili, prescritti dalla normativa, vi sono il Piano di Sicurezza e Coordinamento (P.S.C.) e il Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.). Il P.S.C. è finalizzato all’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi, e le conseguenti procedure, gli apprestamenti e le attrezzature atti a garantire, per tutta la durata dei lavori, il rispetto delle norme per la prevenzione degli infortuni e la tutela della salute dei lavoratori (art. 100 del D.Lgs. 81/08).I contenuti minimi del P.S.C. sono individuati nell’allegato XV del D.Lgs. 81/08. Prima di iniziare le attività operative in un cantiere temporaneo o mobile, il Datore di Lavoro dell’impresa affidataria e di ciascuna impresa esecutrice deve redigere il P.O.S.Il P.O.S., i cui contenuti minimi sono individuati nell’allegato XV del D.Lgs. 81/08, rappresenta il dettaglio della valutazione dei rischi per le attività che si prevede di eseguire in un cantiere edile ed è uno tra gli obblighi non delegabili del Datore di Lavoro, ai sensi degli artt. 17 e 96 del D.Lgs. 81/08 

 

Social Network

Piattaforma e-learning

Progetto F.F.Re.s.Co.

IRFoM: ente capofila del progetto

logo ffresco WEB new

Archivio News

Tutte le news in evidenza.

Vai all'archivio...